Casella di testo: Nata per contrastare la x3, sempre dal pc di luca, la x2 viene da subito definita l’antagonista. Rappresenta una vera e propia antitesi rispetto alla sorella. Presenta infatti un volume estremamente avanzato, cosa che porta ad avere il centro velico dietro al centro di carena (avanzatissimo), aspetto questo del tutto inusuale. Dislocamento simile alla x3, ha gli spigoli ma con murate dritte verso poppa, una poppa più stretta ed uno slancio di prua poco pronunciato rispetto a tutte le altre ac100, x3 compresa.
Come per la x3 la poppa non è più piatta ma tondeggiante. È la prima volta che uno scafo viene concepito sulla carta, per essere adattato ad un determinato campo di regata, in particolare il lago di bracciano (roma), specchio d’acqua che si muove molto facilmente. Barca quindi adatta all’onda, anche e soprattutto con vento leggero.
Diversamente dalla sorella, questa barca è meno immediata nell’utilizzo ottimale. Necessita di essere conosciuta bene, soprattutto per quanto riguarda la regolazione delle vele nelle diverse condizioni. Sebbene più complicata da capire, una volta che ci si ha preso confidenza, restituisce delle prestazioni superlative. Velocissima in bolina, a pari velocità ha un angolo più chiuso al vento rispetto alla x3, ma paga comunque qualcosa in poppa, soprattutto con vento sostenuto, dove la x3 non ha rivali.
È un vero a proprio esperimento, una scommessa, si può dire riuscita. Ad ogni uscita sembra migliorare sempre di più rendendola la degna avversaria della x3. in conclusione possiamo dire che sia più adatta a skipper meno “pigri”, che cercano di capire come utilizzare al meglio una barca dalle enormi potenzialità.

AC100 X2

Anno di Progettazione: 2012

Progettista: Luca N.